Torna ai cittadini la Chiesa delle Clarisse

La chiesa seicentesca delle Clarisse, nel borgo storico di Montedinove (Ascoli Piceno), è tornata ai cittadini. Il bene è parte di un complesso monastico più grande, 3.500 mq di superficie, che entro la prossima primavera ospiterà il museo archeologico con le tombe picene del VI-VII sec. A.C.. Ieri, il ‘passaggio di consegne’ tra il direttore generale dell’Agenzia del Demanio Roberto Reggi e il sindaco della cittadina Antonio Del Duca. “Questo è solo il 38/o caso in Italia, su 300 progetti presentati – ha ricordato Reggi – in cui lo Stato dona un bene demaniale con l’impegno da parte dell’ente locale di valorizzarne l’uso a fini di sviluppo economico e turistico, anche in collaborazione con i privati per la gestione diretta. Chi investe in cultura godrà nel futuro di un valore aggiunto che durerà nel tempo, e che noi vogliamo sostenere.” Del Duca ha ricordato come la consegna della Chiesa, che per tre secoli, fino al 1903, fu abitata dalle suore clarisse, è l’atto finale di un lungo percorso iniziato 4 anni fa e che si è potuto concludere grazie ai fondi della Regione Marche e dell’Ue.

One Response to Torna ai cittadini la Chiesa delle Clarisse

  1. Bravo Sindaco Antonio

Lascia una risposta